Vai ai contenuti | Vai al campo di ricerca | Vai al menù principale

Home Città d'arte Giornate FAI di Primavera. XXII Edizione

Giornate FAI di Primavera. XXII Edizione

Sabato 22 e domenica 23 marzo 2014 avrà luogo la ventiduesima edizione delle Giornate FAI di Primavera, grande festa popolare che dalla sua prima edizione a oggi ha coinvolto oltre 7.000.000 italiani e che quest’anno vedrà l’apertura straordinaria di oltre 750 luoghi in tutte le regioni d’Italia, a offerta libera.

 

 

Un grande spettacolo di arte e bellezza dedicato a tutti coloro che hanno a cuore il patrimonio culturale e ambientale italiano, che avrà come protagonisti centinaia di siti particolari, spesso inaccessibili e che eccezionalmente potranno essere ammirati durante il weekend delle Giornate FAI.

 

In Emilia-Romagna saranno 46 i beni artistici visibili al pubblico in 20 località con gli studenti dei licei a fare da guide, “aspiranti ciceroni”, in uno scambio e un incontro fra generazioni. In numerose città verranno inoltre riproposte, nell’ambito del progetto Arte. Un ponte tra culture”, le visite guidate per cittadini di origine straniera, effettuate in diverse lingue in base alle diverse cittadinanze di stranieri presenti.


Le Giornate di questa edizione del FAI si svolgono nel nome di Augusto.

 

L'omaggio al grande imperatore deceduto duemila anni fa è il riferimento primo anche nella nostra regione dove ebbe il ruolo di marcare lo sviluppo e il riordino dei centri urbani e delle aree agricole, distribuite ai suoi legionari. Solo per citare alcuni beni, a Bologna i visitatori potranno accedere al Teatro Romano di via dè Carbonesi, il più antico teatro in muratura dell'età romana, mentre il Museo Archeologico esibirà tre pezzi pregiati, in genere non esposti, provenienti dagli scavi di Claterna (Ozzano dell'Emilia, Bo). Ravenna, con il porto di Classe e il percorso del Museo Nazionale è un'altra tappa d'obbligo. Quanto l'imperatore tenesse all'immagine e alla propaganda affiora invece nella mostra numismatica sulla prima riforma monetaria di Augusto ospitata a Lugo (Ra), nella chiesa di San Francesco di Paola. Poi, ancora, si va dall' Arco a lui dedicato e al Ponte di Tiberio, a Rimini, fino alla mostra “Quando Augusto passò da Modena. Dal Bellum Mutinense ai simboli del suo potere”, appositamente allestita a Palazzo dei Musei di Modena per le Giornate FAI di Primavera; dalle collezioni dei Musei Civici con le memorie d'Augusto di Reggio Emilia fino a Piacenza che offre in visione la mostra "Abitavamo fuori porta. Gente della Piacenza romana". Ma gli appuntamenti dedicati all'imperatore non terminano qui.


Accanto alle vestigia augustee, amplia inoltre l'offerta culturale una nutrita gamma di proposte. Così a Bologna sarà aperto, oltre che il palazzo comunale in piazza Maggiore, il palazzo Gaudenzi di via Galliera, architettura classica con successivi affreschi di Gaetano Gandolfi e Serafino Barozzi.

 

A Forlì visite all’Asilo Santarelli, prima scuola laica per l’infanzia nella Romagna papalina e a Modena al complesso monacale delle Suore Domenicane, gioiello nascosto nel cuore della città. A Salsomaggiore alle Terme Berzieri e a Brisighella al Teatro M. Pedrini.

 

A Comacchio, si potrà percorrere l’affascinante tragitto dalla Loggia del Grano ai Treponti, al Duomo. A Ferrara aperta l’Opera Pia Braghini-Rossetti e a Cesena un viaggio nella cultura fra Casa e Biblioteca Comandini.

 

Per conoscere tutti i luoghi aperti in Emilia Romagna, consulta il sito dell'evento

www.giornatefai.it

 

Scarica l'App delle XXII Giornate FAI di Primavera per smartphone e tablet Apple e Android.

Ultimo aggiornamento 19/03/2014

Azioni sul documento

mappa google delle Città d'Arte

Temi di interesse

Suggerimenti, proposte e attività
tra fiere, arte, sapori e divertimento.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
per tenerti aggiornato su eventi
e manifestazioni in Emilia-Romagna.