Vai ai contenuti | Vai al campo di ricerca | Vai al menù principale

Home Città d'arte Mostre d'arte ed esposizioni in Emilia Romagna

Mostre d'arte ed esposizioni in Emilia Romagna

Dal Medioevo al Rinascimento, dai dipinti inediti ai più grandi capolavori della storia dell'arte, dagli influssi classici fino alle sperimentazioni contemporanee. Il patrimonio artistico in mostra in Emilia Romagna è davvero vasto e nei piccoli borghi così come nelle grandi città d'arte, musei e palazzi storici vi aprono le porte per condurvi lungo un viaggio dove il genio umano trova la sua massima espressione.

 

Dal cartellone di mostre in regione vi proponiamo qui di seguito una selezione di quelle da non perdere.

 

Nel cuore di Reggio Emilia è tanta l'attesa per "Kandinsky -> Cage", un percorso tra arte e musica che parte da Kandinsky e approda a Cage, dove le nozioni di interiorità e spiritualità vengono indagate come temi aperti, capaci di raccogliere molte suggestioni. Solo delle opere di Kandinsky se ne contano una cinquantina fra dipinti, acquerelli, grafiche provenienti da musei e collezioni private, tra le quali spiccano quelle di carattere eminentemente musicale, come gli acquerelli dipinti per gli spettacoli teatrali “Violett” (del Centro Pompidou, Parigi) e “Quadri di un’Esposizione” sulla musica di Musorgskij (della collezione universitaria del Castello di Wahn, Colonia). La mostra viene animata da brani letterari degli artisti, video e installazioni che invitano a sperimentare in maniera ludica e ricreativa la sinestesia e offrono vere e proprie riscoperte. 11 novembre - 25 febbraio 2018.

 


 

A Modena quest'anno sono diverse le interessanti mostre che la città propone:

dal 7 aprile fino al 3 giugno al Mata ex manifattura tabacchi, scopriamo la mostra fotografica dedicata a "Sharon Lockhart". Il racconto del quotidiano che passerebbe inosservato senza l'occhio attento dell'artista, con persone, spazi ed eventi in grado di raccontare l'autenticità della realtà che ci circonda.

 

Presso la Galleria Civica troviamo "A cosa serve l'Utopia" una mostra collettiva che attraverso i lavori di diversi artisti di fama internazionale ci porta attraverso rivoluzioni e cambiamenti, utopie, con foto e video direttamente dagli anni '70 fino ad oggi.

 

Un salto al Foro Boario di Modena è d'obbligo per chi desidera conoscere la storia di questa città. "Mutina Splendidissima", che si svolge nell’ambito del programma omonimo dedicato alle celebrazioni dei 2200 anni dalla fondazione della città di Modena, ci svela i reperti e le opere d’arte, accostati a preziose testimonianze provenienti da numerosi musei italiani, con ricostruzioni virtuali dei principali monumenti di Mutina e coinvolgenti videoracconti. Dal 25 novembre all'8 aprile 2018.

 

Bologna non vedeva l'ora che arrivassimo per portarci al MAMbo, museo d'arte moderna, per scoprire i capolavori dal museo di stato russo di San Pietroburgo con "Revolutija. Da Chagall a Malevich, da Repin a Kandisky". Con 70 opere la mostra va a focalizzare il secondo decennio del secolo scorso, florido in ambito artistico nel continente russo.

 

rivolutja

 

Spostandoci al MEIS di Ferrara che attraverso "Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni" svela come la storia, la cultura e l’identità italiane si siano formate anche grazie agli ebrei, presenti nella penisola da oltre due millenni. Il percorso vi accompagna nella storia attraverso uno spettacolo multimediale e oltre 200 oggetti preziosi. 14 dicembre - 31 marzo 2018.

 

Sempre a Ferrara, nelle sale del castello Estense, troviamo oltre 100 opere della Collezione Cavallini-Sgarbi. Dipinti e sculture racconto di una impresa culturale senza eguali, per una famiglia ferrarese che all'arte ha dedicato tutte le proprie energie. Dal 3 febbraio al 3 giugno.

 

Palazzo dei Diamanti dal 3 marzo fino al 10 giugno mette in mostra "Stati d'animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni". La fine dell'Ottocento in un itinerario tematico tra luci e ombre, degli stati d'animo degli artisti europei e delle loro opere immortali. Carrà, De Chirico, Boccioni, Previati, Balla, Rosso sono solo alcuni dei nomi presenti.

 

boccioni

 

Non lontano da Ferrara, facciamo tappa a Cento. Nell’anno in cui si celebra il 350° anniversario della sua morte, dopo 4 anni dal terremoto del 2012, in cui i suoi dipinti sono stati esposti nei musei più importanti del mondo, dall’Europa al Giappone, finalmente il Guercino torna a casa, alla Pinacoteca "San Lorenzo". Le 12 opere sono esposte nella settecentesca chiesa di San Lorenzo, un gioiello architettonico che è ora il nuovo museo dedicato al concittadino più illustre della piccola cittadina ferrarese.

 

Forlì ci aspetta ai suoi Musei San Domenico con "L'eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio" la mostra dedicata al periodo storico compreso tra la fine del Rinascimento e l'avvento dell'età Barocca. Potrete ammirare le opere dei principale esponenti pittorici del periodo storico, come Raffaello, Rosso Fiorentino, Lorenzo Lotto, Pontormo, Sebastiano del Piombo, Correggio, Bronzino, Vasari, Parmigianino, Daniele da Volterra, El Greco, i Carracci, Barocci, Veronese, Tiziano, Zuccari, Reni e Rubens. 10 febbraio - 17 giugno. 2018

 

Carracci


 

Sempre in Romagna e precisamente a Ravenna possiamo scoprire "Licalbe Steiner, alle origini della grafica italiana". Il museo d'arte della città (MAR) porta in luce una delle collaborazioni più interessanti d'Italia in ambito grafico, quella tra Lica e Albe Steiner. Vi siete mai chiesti come nasce il logo della Coop?  24 febbraio - 2 aprile.

 


Prosegui il percorso fra le mostre in Emilia Romagna.

Ultimo aggiornamento 19/02/2018

Azioni sul documento

mappa google delle Città d'Arte

Temi di interesse

Suggerimenti, proposte e attività
tra fiere, arte, sapori e divertimento.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
per tenerti aggiornato su eventi
e manifestazioni in Emilia-Romagna.