Vai ai contenuti | Vai al campo di ricerca | Vai al menù principale

Home Mostre in corso estate 2014

Mostre in corso estate 2014

Il nutrito cartellone di appuntamenti con le mostre in corso per la stagione estiva nelle città e nei borghi d’arte dell’Emilia Romagna è un invito a trascorrere piacevoli fine settimana alla scoperta di luoghi affascinanti in compagnia dell’arte.

 

In occasione del 50° anniversario del film “Marnie” il maestro del brivido torna in scena con la mostra “Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures”, ospitata nelle sale del Palazzo del Governatore di Parma, in una versione rinnovata e arricchita, dopo aver riscosso un grande successo nella sede di Palazzo Reale a Milano. Oltre settanta fotografie e contenuti speciali provenienti dagli archivi della Universal Pictures  offrono al pubblico in visita alla città un’immersione nei backstage dei principali film del mago della suspense, scoprendo particolari curiosi sulla realizzazione delle scene più celebri, sull’impiego dei primi effetti speciali, sugli attori e sulla vita privata del grande maestro. Fino al 9 novembre.

A Reggio Emilia, considerato il grande interesse manifestato dal pubblico nei confronti di "Fotografia Europea 2014", l’organizzazione ha deciso di prorogare alcune tra le esposizioni più belle del festival, offrendo ai visitatori una nuova opportunità per indagare e avvicinare le molte sfaccettature del tema di questa edizione, dedicata a “Vedere. Uno sguardo infinito”. Tra le mostre prorogate, tre sono esposte nella suggestiva cornice dei Chiostri di San Pietro, e precisamente l’antologia dedicata a Luigi Ghirri, gli oltre cento scatti di Herbert List e le atmosfere oniriche di Sarah Moon. Fino al 31 agosto.

 

La location della Collezione d'Arte Contemporanea Maramotti, sempre a Reggio Emilia, un tempo sede produttiva di Max Mara, offre un percorso su due piani di quarantatre sale e due open space con oltre duecento opere, tra dipinti, sculture e installazioni, rappresentative delle principali tendenze artistiche italiane e internazionali dal 1945 a oggi. La permanente è visitabile gratuitamente.

 

La Fondazione Casa Buonarroti di Firenze e la Galleria civica di Modena celebrano la ricorrenza del 450° anniversario della morte di Michelangelo con la mostra “Michelangelo e il Novecento”, dedicata alla fortuna della figura e dell'opera dell'artista nel corso del secolo scorso. Con un progetto scientifico comune e con un catalogo unico, l'esposizione è strutturata su due nuclei tematici: uno riferito ai centenari novecenteschi della morte e della nascita dell’artista, che hanno coinvolto nel 1964 e nel 1975 la Casa Buonarroti e altre istituzioni fiorentine e italiane; l’altro legato alla presenza di Michelangelo nella cultura visiva del XX secolo. Fino al 19 ottobre.

 

Da non perdere, restando nella città della Ghirlandina, è l'esposizione di recente apertura dedicata al centenario della Casa del Tridente, "Maserati 100 - A century of pure italian luxury sports cars". Aperta fino al 7 gennaio 2015, la mostra espone i modelli da strada e da pista più significativi e rende possibile un'approfondita conoscenza della storia della Maserati grazie a diciannove videoproiettori che ne presenteranno la storia e i personaggi che l’hanno scritta. Accanto alla mostra è visitabile un nuovo spazio che ospita le vetture più significative della storia di Enzo Ferrari, fra cui le Alfa Romeo da lui usate, la prima Ferrari costruita nel 1947 e la Enzo, la Granturismo a lui dedicata.

 

Al MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna è in corso la prima mostra personale in Italia di Nick van Woert, una delle voci più originali dell'arte contemporanea statunitense. Il percorso espositivo esplora numerosi temi ricorrenti nella ricerca dell'artista, quali la dialettica tra l'ambiente artefatto dalla massiccia presenza umana e la natura governata dalla legge del caso; la convinzione che esista una semantica dei materiali generatrice di senso nell'interazione con l'essere umano; l'attenzione per l'architettura; l'interesse per figure come Ted Kaczynski (Unabomber) o per i movimenti di “ritorno alla natura”, accomunati dalla dinamica uomo vs macchina e dal tentativo di cambiare o dissezionare il nostro modo di vivere, e infine il ricorso a riproduzioni di statue classiche. Fino al 7 settembre.

 

Il Museo Nazionale di Ravenna ospita la mostra dal titolo "Alberto Biasi a San Vitale. La luce e gli ambienti della storia", una grande retrospettiva dedicata al Maestro dell'Arte Cinetica e Programmata nella spettacolare cornice classica del complesso benedettino della basilica ravennate. L'esposizione ricostruisce il percorso creativo di Alberto Biasi, dagli esordi sul finire degli anni '50 alle più recenti sperimentazioni, attraverso circa sessanta opere, che costituiscono una vera e propria antologia della sua produzione artistica. Lamelle e sovrapposizioni di piani in grado di simulare il movimento, giochi di luce, illusioni ottiche tridimensionali, composizioni interattive, animano gli spazi monumentali in un gioco di rimandi fra tradizione classica e sperimentazione. Fino al 14 settembre.

 

Un'esposizione tutta al femminile è quella che ha per titolo "Ricette d’amore e di bellezza di Caterina Sforza" in corso alla Fortezza di Castrocaro Terme, nel forlivese. La contessa di Imola e Forlì, nonostante i suoi impegni di governo e di madre, trovò il tempo per occuparsi di farmacia, medicina, chimica e profumeria e raccolse le sue formule in un ricettario, finora il documento conosciuto più completo sulla medicina e la cosmesi del XV secolo. Fino al 30 novembre.

 

Un percorso storico documentario unico ed imperdibile dal titolo "Il giovane Mussolini 1883 – 1914" è visitabile a Predappio (Rn) nella Casa di nascita di Mussolini. Si tratta di un’esposizione con oltre 200 opere provenienti da collezioni private e archivi di Stato  - tra cui quelli di Forlì, Trento, Losanna -  con documenti mai esposti finora in Italia o all’estero. Tra i pezzi più pregiati della mostra c'è il Calendario socialista del 1910, stampato a Trento a cura dello stesso Mussolini, e la locandina elettorale del 1913 con la sua candidatura nel collegio di Forlì. Fino al 28 settembre.

“Divina Passione” è l’esposizione che a Rimini, fino al 28 settembre, ha per linea guida Francesca da Rimini e il quinto canto della Divina Commedia nelle varie versioni illustrate tra XV e XX secolo, da Baccio Baldini a Renato Guttuso. In mostra figurano sessanta testi stampati dal XV secolo ai giorni nostri selezionati tra le più di mille edizioni antiche e moderne di opere dantesche della Collezione Livio Ambrogio, unica al mondo per completezza e organicità. Sessanta preziosi cimeli che, per il loro valore documentario, permettono numerosi livelli di approccio e diversi possibili percorsi e racconti.

 

Il cartellone delle mostre in regione

Ultimo aggiornamento 01/10/2014

Azioni sul documento

Temi di interesse

Suggerimenti, proposte e attività
tra fiere, arte, sapori e divertimento.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
per tenerti aggiornato su eventi
e manifestazioni in Emilia-Romagna.

Area operatori

Informazioni per operatori turistici
normative, progetti, studi e statistiche.