Vai ai contenuti | Vai al campo di ricerca | Vai al menù principale

Home Le vie dei Romei Cattolica e la valle del Conca

Cattolica e la valle del Conca

Da Rimini e da Cattolica, un itinerario documentato anch’esso da fonti scritte conduceva ad Urbino per la valle del Conca. Che Cattolica – allo sbocco a mare della valle del Conca – fosse una tappa dei pellegrinaggi medievali è esplicitamente citato nella “Descriptio Romandiole”, compilata dal cardinale Anglic de Grimoard nel 1371, dove vi figura come borgo sull’Adriatico lungo la via dei pellegrini e sulla strada principale per le Marche.

 

Ma tutta la storia dell'insediamento, fin dall'età antica, è legata all'economia di "passo". I reperti archeologici rinvenuti nell'antico centro storico, collocabili fra il I secolo a.C. e il IV d.C., documentano la qualità di un abitato posto sulla Flaminia a metà strada dalla città di "Ariminum" e "Pisaurum", già allora predisposto ad accogliere gente di passaggio.

 

Anche dopo la fondazione, per volere degli arcivescovi di Ravenna, del borgo medievale (1271) a cui viene imposto il nome di Cattolica e che ricalca l’antico nucleo di età romana, il centro mantiene la propria vocazione ambientale mostrando un abitato formato, nella quasi totalità, da case adibite a locanda-albergo per i viaggiatori.

 

Veduta di Montefiore ConcaDa qui i Romei potevano scendere per l'antica via consolare Flaminia o risalire la valle del torrente Conca, un tracciato più diretto e fin da subito appenninico. Il paesaggio dell'entroterra che attraversavano è caratterizzato da dolci colline, spesso dominate da rocche che a partire dal ‘400 avrebbero segnato il possesso della famiglia del Montefeltro.

 

Degli antichi edifici del tempo dei pellegrini non resta molto. Alla periferia di Morciano rimane – ma ora in rovina – il monastero benedettino di S. Gregorio in Conca che già dopo il Mille era stato riccamente dotato da una famiglia di maggiorenti riminesi.

 

Pittoresche sono le più lontane Saludecio, Mondaino e Montegridolfo ma il luogo migliore in cui respirare atmosfere medievali resta Montefiore Conca, dove i pregi del paesaggio vanno di pari passo con un ben conservato impianto urbano d’epoca. Le case del piccolo centro storico sono disposte lungo la via d’accesso alla rocca d’acrocoro, malatestiana anche se manomessa a metà ‘900.

 

Superata Montefiore, dalla valle del Conca si poteva scegliere fra il percorso per Tavoleto e quello per Castel Durante, nelle Marche, che solo nel 1636 sarebbe stata ribattezzata Urbania.

 

Per informazioni turistiche:

Redazione di Rimini Riviera

Ultimo aggiornamento 02/02/2017

Azioni sul documento

Temi di interesse

Suggerimenti, proposte e attività
tra fiere, arte, sapori e divertimento.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter
per tenerti aggiornato su eventi
e manifestazioni in Emilia-Romagna.

Area operatori

Informazioni per operatori turistici
normative, progetti, studi e statistiche.