Il patrimonio UNESCO in Emilia Romagna

Scopri tutti i luoghi Patrimonio dell'Umanità

Logo CC

Le città dell’Emilia Romagna che hanno ottenuto il titolo di patrimonio dell’umanità UNESCO sono Ferrara, Modena e Ravenna, custodi di opere dallo straordinario valore storico, culturale, artistico e naturalistico. Meno noto è il dato sui siti definiti Messaggeri di pace, Memorie del Mondo e Città Creative UNESCO in regione, che sono ben 7 e contano bellezze disseminate su tutto il territorio.

I siti UNESCO di Ferrara, Modena e Ravenna

A poca distanza dal mare Adriatico sorge Ravenna, la patria del mosaico. Il suo glorioso passato ha lasciato in eredità un patrimonio musivo eccezionale; non a caso, nel 1996 i suoi otto monumenti paleocristiani (V-VI secolo), sono diventati patrimoni UNESCO.

Parliamo della Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Mausoleo di Teodorico, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo e di Sant’Apollinare in Classe, Battistero degli Ariani, Battistero Neoniano e della Cappella di Sant’Andrea.

Risalendo la costa verso nord, incontriamo Ferrara. La città è stata inserita nell’elenco dei patrimoni UNESCO nel 1995 come Città del Rinascimento, titolo che celebra la fiorente vita intellettuale ferrarese nei secoli XV e XVI. A quell’epoca risalgono infatti significative opere urbanistiche come l’Addizione Erculea e l’attività di artisti quali Piero della Francesca e Andrea Mantegna.

Nella zona di Ferrara sono presenti altri due siti UNESCO: le Delizie Estensi, le monumentali residenze dei duchi d’Este, e la vicina area umida del Delta del Po.

Infine Modena, città sulla Via Emilia che nel 1997 ottiene il riconoscimento UNESCO per le sue Piazza Grande, il Duomo e la torre Ghirlandina, testimonianze della potente dinastia dei Canossa. La cattedrale del XII secolo, in particolare, è stata definita “capolavoro del genio creativo umano” ed esemplifica appieno la prima arte romanica.

Altri riconoscimenti UNESCO in regione

Tra gli altri siti riconosciuti dall’UNESCO troviamo Bologna, che per la sua antica tradizione musicale nel 2006 è diventata Città Creativa della Musica; il Museo Internazionale delle Ceramiche (MIC) di Faenza, definito “Messaggero di una Cultura di Pace”; e poi la Biblioteca Malatestiana del XV secolo a Cesena, inserita nel registro “Memoria del Mondo”; e anche Parma, Città Creativa della Gastronomia.

Bologna vanta anche due luoghi Messaggeri di una Cultura di Pace UNESCO: la Chiusa di Casalecchio di Reno, la più antica opera idraulica d’Europa ancora in funzione, e l’Abbazia di Santa Cecilia della Croara a San Lazzaro di Savena.

Il territorio dell’Emilia Romagna ha ricevuto infine due riconoscimenti UNESCO per i suoi beni naturalistici: la Riserva MAB UNESCO dell’Appennino Tosco Emiliano, una biosfera a metà fra Emilia Romagna e Toscana che comprende il 70% delle specie faunistiche in Italia, e le Faggete Vetuste del Parco delle Foreste Casentinesi e della Riserva Integrale di Sasso Fratino per la loro unicità ecologica e biologica, un riconoscimento che la regione condivide con le faggete dei Carpazi e di altri 11 Paesi Europei.

Ultimo aggiornamento 23/04/2020
SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2019 - 2020 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio