The real balsamic

Logo CC

La combinazione tra Aceto Balsamico e Lambrusco suggerisce subito di addentrarsi in una città che ha fatto del gusto di qualità uno stendardo conosciuto in tutto il mondo: destinazione Modena

  • Durata
    24 ore
  • Interessi
    Food Valley
  • Target
    Amici/Solo,Coppia
  • Prima tappa Modena

    La cosa più importante da sapere prima di affrontare questo itinerario è che l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena può essere definito un vero e proprio culto, e il posto perfetto per esserne iniziati è senz’altro l’Acetaia Comunale di Modena

    L’Acetaia Comunale di Modena, all’ultimo piano del Palazzo Comunale, custodisce al suo interno alcune batterie di botti, ognuna costruita artigianalmente con un legno diverso, in modo da conferire all’aceto differenti sfumature di gusto.
    Avrete modo di scoprire e assaggiare il migliore Aceto Balsamico Tradizionale di Modena grazie alla guida attenta e accurata del mastro assaggiatore. 

  • Seconda tappa Spilamberto

    Ma la conoscenza dell’Aceto di Modena non sarebbe completa senza una tappa al Museo del Balsamico di Spilamberto: qui si cammina attraverso le varie fasi di produzione dell’Aceto Balsamico, dai vigneti alla vendemmia, dalla pigiatura alla cottura del mosto, in un susseguirsi di storie e tecniche antichissime, per poi immergersi nel fascino dei profumi e dei sapori di questo inimitabile nettare nero. 

    E, parlando di nettare, il pensiero corre subito alla seconda tappa di questo itinerario a stretto contatto con le delizie modenesi: il Lambrusco, il più famoso vino rosso frizzante del mondo che, recentemente, ha rubato molti cuori anche fuori dai confini italiani, diventando il vino più esportato nonché il più bevuto.

  • Terza tappa Castelvetro di Modena

    Nella zona di Modena hanno ottenuto il riconoscimento DOP ben quattro vini Lambrusco: il Lambrusco di Modena, il Lambrusco di Sorbara, il Lambrusco Salamino di Santa Croce e il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro.

    E infatti, se siete amanti di questo rosso con le bollicine, non può mancare una deviazione verso Castelvetro di Modena: qui i vitigni si estendono sui terreni dell’alta pianura e della collina modenesi, dove lo sfondo degli Appennini, su cui si staglia il Monte Cimone, fa da cornice ad un dolce paesaggio di rara bellezza.

    Dove bere il Lambrusco? La prima opzione è una degustazione in cantina, dove ripercorrere anche tutto il processo di vendemmia e vinificazione. 

    La seconda opzione è una tappa gourmet nel centro di Modena.
    Ecco un’indicazione utile: via del Taglio, una delle strade più vivaci in città vicina a enoteche storiche dove abbinare a un buon calice di Lambrusco anche le specialità del territorio.

Ultimo aggiornamento 05/03/2020

UFFICI INFORMAZIONI

IAT Modena
Piazza Grande 41121 Modena (Modena)
Tel: 059 2032660 Fax: 059 2032659 Fax: 059 2032659 info@visitmodena.it
Ufficio Turismo Spilamberto
Via F. Roncati 41057 Spilamberto (MO)
info@museodelbalsamicotradizionale.org Tel: 059/781614 Fax: 059/781614
PIT Castelvetro di Modena
Piazza Roma 41014 Castelvetro di Modena (Castelvetro di Modena)
Tel: 059 758880 info@visitcastelvetro.it Fax: 059 758885