Frassinoro

Logo CC

Posto lungo l'antica Via Bibulca, Frassinoro fu inizialmente un "ospizio" (luogo di sosta per pellegrini e viandanti) collegato ad una cappella dedicata alla Vergine Assunta, al centro di un grande bosco. Nel 1071 venne poi costruita, per volere di Beatrice di Lotaringia, madre di Matilde di Canossa, l'Abbazia benedettina di Frassinoro.

Sulle vecchie fondamenta dell'abbazia, andata in rovina nel XV secolo, si trova oggi la chiesa di Santa Maria Assunta di San Claudio e Lorenzo, al cui interno è stato allestito uno spazio museale con colonne e capitelli provenienti dalle antiche fabbriche abbaziali.

Di particolare interesse anche il Santuario della Madonna di Pietravolta, oltre ai numerosi mulini ad acqua (mulino di Silvestro, mulino del Grillo, mulino del Fante) d'origine sei-settecentesca, nei pressi di Cargedolo.


Per tenersi in forma

Oggi la località è un importante centro per lo sci di fondo grazie alla sua collocazione geografica.

Situata nel Parco del Frignano Frassino offre inoltre al turista percorsi Cai, naturalistici e storici. Si può praticare trekking, mountain bike ed equitazione.


Appuntamenti di rilievo

Frassinoro fu fortemente legata a Matilde di Canossa ed al predominio esercitato dalla sua abbazia, la cui storia è fatta rivivere durante la Settimana Matildica nelle Terre della Badia, evento che si svolge annualmente l’ultima settimana di luglio.


Nei dintorni

Nei dintorni del paese vale la pena ricordare il Vivaio delle Trote, nei pressi del quale è stato ricavato, tra le querce, un anfiteatro naturale.

Nei dintorni si trova anche il Museo della Civiltà Contadina di San Pellegrino in Alpe (frazione condivisa con il comune di Castiglione di Garfagnana, Lucca).

Ultimo aggiornamento 13/07/2020

Potrebbe interessarti...

SITO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TURISTICA © 2019 - 2020 Regione Emilia-Romagna Assessorato Turismo e Commercio